Passa ai contenuti principali

Profilo di sicurezza dei fluorochinolonici

I fluorochinolonici (FCH) sono antibiotici in uso da alcuni decenni, per i quali nel corso del tempo sono stati segnalati numerosi tipi di reazioni avverse.

Aritmie: sono possibili diversi tipi di aritmie, prolungamento dell'intervallo QT e torsione di punta. Si tratta di un effetto dovuto al blocco dei canali del potassio cardiaci responsabili della formazione del potenziale d'azione. Il rischio per ciascuna molecola dipende dal grado di inibizione dei canali stessi (la moxifloxacina è quella che comporta il maggior rischio). Va sottolineato che la comparsa di eventi cardiovascolari durante il trattamento con FCH è spesso legata alla compresenza di morbilità (insufficienza renale cronica, insufficienza cardiaca, cardiomiopatie, alterazioni del ritmo) e/o farmaci associati (amiodarone, betabloccanti, digitale).

Ipoglicemia: il blocco dei canali del potassio nelle isole pancreatiche e il conseguente rilascio di insulina sembra essere il meccanismo più accreditato alla base degli episodi di ipoglicemia. Anche in questo caso sono importanti fattori predisponenti quali diabete, insufficienza renale e uso concomitante di farmaci ipoglicemizzanti.

Sistema nervoso centrale e periferico: esiste un'associazione tra FCH e diverse forme di neuropatia, alcune clinicamente rilevanti come la sindrome di Guillain-Barré e neuropatie periferiche. L'esordio di una neuropatia periferica può avvenire rapidamente, spesso entro pochi giorni dall'inizio della terapia con un FCH, e in alcuni pazienti il disturbo può essere permanente. Sono inoltre stati segnalati effetti avversi sul sistema nervoso centrale, da cefalea e/o vertigini, fino a sintomi psichiatrici, come allucinazioni, agitazione, confusione mentale, delirio, convulsioni.

Aneurismi aortici: l'uso di FCH si associa a un aumento del rischio di aneurisma dell'aorta. Si tratta di un rischio contenuto, ma non trascurabile dato l'ampio impiego di questa classe di farmaci. Il meccanismo di danno della parete aortica non è noto, ma, in analogia con quanto descritto nelle tendinopatie e nelle rotture tendinee associate ai fluorochinoloni, si può ipotizzare un danno della matrice extracellulare e in particolare del collagene favorito dall'attivazione delle metalloproteasi. Lo stesso meccanismo di azione può essere alla base dell'aumento del rischio di sindrome del tunnel carpale osservato in uno studio canadese.

Distacco della retina: anche in questo caso il rischio assoluto sarebbe piuttosto basso, ma è un rischio da prendere in considerazione soprattutto in pazienti con fattori predisponenti per questa problematica.

Effetti su tendini e articolazioni: le tendinopatie (fino alla rottura tendinea) sono effetti avversi ben noti dei FCH. Queste interessano soprattutto il tendine di Achille e possono comparire anche utilizzando i FCH per via oculare topica (per esempio collirio a base di ofloxacina) o auricolare. Nei pazienti ultra 60enni il rischio di interessamento tendineo è 3 volte maggiore ed è 6 volte maggiore se si associa una terapia cortisonica. Negli ultimi anni sono stati segnalati anche dolori muscolo-scheletrici, a volte persistenti, anche per mesi e anche dopo la sospensione della terapia.

Fotosensibilizzazione: soprattutto nella stagione estiva, i pazienti vanno avvertiti di limitare l'esposizione al sole, dato che la fotosensibilizzazione è una reazione piuttosto frequente con la maggior parte dei FCH.

Per quanto riguarda i fattori predisponenti a reazioni avverse, oltre a quelli citati, va tenuto presente che la maggior parte dei FCH viene eliminata per via renale, per cui la posologia va adattata negli anziani e nei nefropatici.

Dopo decenni di utilizzo, la varietà e la gravità degli effetti avversi associati ai FCH continuano a crescere. L'uso di un antibiotico non deve mai essere banalizzato e in particolare la scelta di un fluorochinolonico deve essere riservata a infezioni di una certa gravità, quando non si disponga di alternative.

Il rischio cardiovascolare e metabolico associato ai fluorochinoloni

Rischi per l'aorta con i fluorochinoloni

Fluoroquinolones: aortic aneurysm and dissection? Retinal detachment?
Prescrire Int. 2016 Jul;25(173):184.

Altri post su questo tema

L'EMA raccomanda di limitare l'uso dei fluorochinolonici

Gilberto Lacchia


Pubblicato: 03/09/2018 Aggiornato: 26/11/2018 

Commenti

Post popolari in questo blog

La prescrizione degli inibitori di pompa: un decalogo per il MMG

La prescrizione degli inibitori di pompa è sempre un tema caldo. Sul numero di giugno della rivista SIMG è stato pubblicato un articolo che esamina i vari aspetti della prescrizione degli IPP: farmacologia, indicazioni, interazioni, prescrivibilità SSN, sicurezza, appropriatezza e deprescrizione.

Il contenuto della revisione può essere condensato nel decalogo che segue.

Gli IPP hanno profili farmacocinetici e farmacodinamici diversi, diversa capacità acido-soppressiva e diversa tollerabilità, anche se l'efficacia clinica è generalmente sovrapponibile, fatta eccezione per particolari situazioni.È importante valutare l'indicazione, in quanto le indicazioni di utilizzo degli IPP, riportate in scheda tecnica, non sono uguali per tutti gli IPP e non sono attualmente tutte ammesse alla rimborsabilità dal SSN.L'uso degli IPP nel breve termine è appropriato e rimborsabile dal SSN per il trattamento della malattia da reflusso gastroesofageo (MRGE), dell'ulcera peptica (ad ecce…

Dolori muscolari da statine: che fare?

È molto frequente avere pazienti che si lamentano di dolori muscolari durante l'assunzione di statine.

Questa classe di farmaci può certamente provocare DANNI MUSCOLARI, fino alla rabdomiolisi. Per fortuna si tratta di effetti collaterali piuttosto rari. Le miopatie vengono definite come danno muscolare con aumento della CK di oltre dieci volte i valori normali e la frequenza è dello 0,1% circa; ancora più rara è la rabdomiolisi (aumento della CK superiore a 40 volte).

È invece meno chiaro fino a che punto le statine possano causare DOLORI MUSCOLARI che vengono spesso lamentati dai pazienti ma senza che sia sempre ovvio il rapporto causale (è un esempio di effetto nocebo).

Per poter riconoscere tempestivamente effetti collaterali gravi, ma allo stesso tempo senza sospendere inutilmente il trattamento in pazienti che potrebbero beneficiarne, la rivista tedesca arznei telegramm ha proposto l'algoritmo seguente:
[A] In presenza di dolori muscolari durante la terapia con statina i…

Vitamina D: da panacea a placebo?

La letteratura scientifica sull'integrazione con vitamina D è sterminata. Solo su Pubmed, cercando "vitamin d supplementation" si trovano più di 8400 riferimenti dal 2000 a oggi. L'integrazione è stata studiata per un gran numero di condizioni (demenza, diabete, asma, epato/nefropatie, fibrosi cistica, polmonite infantile, prevenzione oncologica, prevenzione delle cadute, dolore cronico e naturalmente patologie ossee). I primi studi tendevano ad attribuire alla vitamina D un valore di panacea universale e questo ne ha indotto una prescrizione su larga scala.

A parte alcune situazioni "di nicchia" in cui c'è un certo consenso su dosaggio e/o integrazione con vitamina D (rachitismo, osteomalacia, sindromi da malassorbimento, chirurgia bariatrica, nefropatie croniche, terapie prolungate con steroidi), la maggior parte dei casi in cui richiediamo il dosaggio e prescriviamo la vitamina D hanno un'effettiva giustificazione e producono un vantaggio per i …