Passa ai contenuti principali

Post

Abuso di venlafaxina ad alte dosi

Post recenti

GPCog: un rapido strumento psicometrico per lo screening di deterioramento cognitivo

In medicina generale è molto frequente dover valutare per la prima volta pazienti con un sospetto disturbo cognitivo e decidere se inviarli a una visita di secondo livello.

Attualmente lo strumento più diffuso per la valutazione dello stato cognitivo è il Mini Mental State Evaluation (MMSE), utilizzato sia per la diagnosi preclinica o conclamata, sia per il monitoraggio. Questo strumento diagnostico, tuttavia, ha alcuni problemi che ne limitano un uso diffuso in medicina generale, soprattutto per la prima valutazione diagnostica: tempi di somministrazione medio-lunghi (circa 10-15 minuti); difficoltà di interpretazione e attribuzione del punteggio; limitata sensibilità diagnostica nella fase preclinica con numerosi falsi negativi, soprattutto in soggetti con elevato quoziente intellettivo e alta scolarità.

Il General Practitioner Assessment of Cognition (GPCog), introdotto all'inizio degli anni 2000, è uno strumento di screening rapido, studiato per essere usato in medicina genera…

Sono utili i FANS topici per il dolore muscolo-scheletrico cronico?

L'uso dei FANS topici come analgesici è piuttosto controverso. Prescritti per il dolore cronico muscolo-scheletrico artrosico negli adulti, sono efficaci come i FANS orali o quantomeno più del placebo?

In questa revisione Cochrane, gli autori hanno cercato di determinare l'efficacia dei FANS topici vs. placebo o FANS orali e di confrontare i diversi profili di sicurezza.

La revisione ha incluso 39 studi con un totale di 10.631 pazienti affetti da artrosi al ginocchio. Tutti gli studi sono stati considerati di qualità metodologica almeno moderata. L'efficacia del trattamento era definita da uno qualsiasi dei seguenti fattori:

(1) riduzione del dolore di almeno il 50%,
(2) una valutazione globale molto buona o eccellente del trattamento,
(3) nessun dolore o dolore lieve con il movimento articolare.

I principi attivi utilizzati erano principalmente il diclofenac, il ketoprofene e il piroxicam. I risultati secondari includevano gli effetti avversi o l'abbandono dal t…

La ricerca di informazioni affidabili in rete: l'esempio del fluconazolo in gravidanza

L'effetto teratogeno di alte dosi di fluconazolo durante la gravidanza – per esempio per il trattamento di micosi sistemiche – è noto da anni. Uno studio di coorte danese pubblicato nel 2016 e condotto su quasi un milione e mezzo di donne, seguite dal 1997 al 2013, fa nascere il sospetto che anche terapie con 150 mg in monosomministrazione nel primo trimestre possano aumentare il rischio di aborto spontaneo o di malformazioni fetali.

La gravidanza predispone alla candidiasi vulvo-vaginale (nello studio citato la prevalenza era del 10% delle gravide). La terapia di scelta è costituita da antimicotici azolici topici per circa 7 giorni. Tuttavia, dato che si riteneva che la monosomministrazione di fluconazolo fosse un trattamento sicuro, questa formulazione veniva prescritta anche per la comodità di somministrazione. Alla luce dei nuovi dati, soprattutto nel primo trimestre, è prudente evitare questa terapia.

Cercando informazioni per questo post, mi sono accorto della presenza di i…

Durata della terapia steroidea nella riacutizzazione della bronchite cronica

Nelle riacutizzazioni della BPCO cicli più brevi di steroide sistemico sono sicuri ed efficaci quanto quelli di maggiore durata?

I pazienti con BPCO sono a rischio di riacutizzazioni che si presentano con dispnea, aumento della tosse e dell'espettorato. Gli steroidi sistemici hanno una chiara indicazione in queste situazioni, ma la durata del trattamento è oggetto di discussione. Gli autori di questa revisione Cochrane hanno valutato se un ciclo più breve di steroidi sistemici (7 giorni o meno) fosse altrettanto sicuro ed efficace rispetto al ciclo convenzionale di 10-14 giorni.

La revisione comprendeva otto studi per un totale di 582 pazienti con BPCO definita da grave a molto grave, anche se i criteri per la definizione non non erano ben definiti o coerenti tra gli studi. Cinque degli studi, che includevano 519 pazienti riguardavano pazienti ospedalizzati mentre gli altri tre non specificavano la sede. In nessun caso era specificato se i pazienti avessero completato l'inter…

Interpretazione degli esami per l'assetto marziale

La valutazione del metabolismo del ferro può essere condotta per valutare un sospetto clinico di sovraccarico o di carenza marziale.


Il ferro Fe3+ introdotto con la dieta è ridotto a Fe2+ e depositato nell'enterocita come ferritina. Il ferro circolante nel plasma rappresenta meno dello 0,1% dei depositi di ferro, è legato alla transferrina e viene trasportato al fegato dove è depositato sotto forma di ferritina, o al midollo osseo e al sistema reticolo-endoteliale. La proteina epcidina inibisce l'assorbimento del ferro intestinale e la mobilizzazione della ferritina dai macrofagi e dagli epatociti (rif. 1, p. 6 fig. 1).

Gli esami che solitamente vengono richiesti sono:

Ferritina: quasi tutta a livello epatico; nel siero si trovano piccole quantità. È una proteina della fase acuta e aumenta in caso di condizioni infiammatorie, malattie autoimmuni, epatopatie, emolisi e neoplasie, situazioni in cui può apparire falsamente aumentata o normale quando in realtà è bassa.

Sideremia: i…

Approccio diagnostico all'aumento asintomatico delle transaminasi

Aumenti asintomatici moderati (inferiori a 5 volte il limite superiore della norma) dei livelli di ALT e AST sono comuni in medicina generale, con una prevalenza di circa il 17% nella popolazione italiana.

Dopo un primo riscontro di aumento delle transaminasi veniva di solito consigliato di ripetere gli esami alterati per conferma, ma recentemente ciò è stato sconsigliato sulla base di un ampio studio prospettico britannico: la ripetizione non pareva efficiente in quanto l'84% dei risultati restava anormale dopo un mese e il 75% dopo due anni.

La valutazione iniziale dovrebbe comprendere:
Anamnesi, anche farmacologica (compresi fitoterapici e integratori) ed esame obiettivo.Valutazione della sindrome metabolica: circonferenza vita, pressione arteriosa, quadro lipidico.Glicemia, HbA1c.Emocromo, albumina, tempo di protrombina..Sideremia, capacità legante e ferritina.Anti-HCV e HBsAg.
CAUSE COMUNI

Steatosi epatica non alcolica (NAFLD)
: insieme all'epatopatia da HCV è la causa più c…